Quarantennale della legge Basaglia

Quarantennale legge Basaglia

Una rivoluzione incompiuta

Si parla di portata rivoluzionaria della legge Basaglia o della legge 180, concordo con questa valutazione; già è stata una rivoluzione la chiusura dei manicomi, il superamento di una ingiustizia profonda a danno di molte migliaia di persone brutalizzate in residenze e contesti disumani ed escludenti. Oggi viviamo “un bel mondo”. (confronto fra mio figlio e una mia cognata)

Basaglia poi proponeva una seconda rivoluzione vale a dire il cambio di paradigma nell’affrontare la persona con disagio psichiatrico, è un cittadino e come tale va considerato non più un paziente e quindi si deve guardare in faccia il malato non la malattia. Questa seconda parte della legge è stata considerata ed attuata dove Basaglia e suoi collaboratori hanno operato e per alcuni anni in varie parti d’Italia, anche a Ravenna sono state attuate scelte positive per dare dignità alle persone con disagio poi a partire dagli anni 80 del secolo scorso quasi ovunque ha avuto il sopravvento la potenza farmacologica. Probabilmente la legge Basaglia non è stata al centro dei programmi universitari per diventare psichiatri o psicologi e nei territori, quasi ovunque si è preferito stare all’ombra dell’indirizzo psicofarmacologico non del tutto superando la cultura della pericolosità, purtroppo, e così non è decollata la seconda rivoluzione.

Nei primi anni 90 di fronte alla prospettiva di avere figli malati mentali in carriera, perché solo curati farmacologicamente e non presi in carico ed aiutati a fare percorsi di guarigione molte famiglie hanno dato vita all’associazionismo dei familiari . A Ravenna nel 1994 siamo sorti come Comitato e nel 1995 abbiamo dato vita a PORTE APERTE, associazione di familiari per la salute mentale poi da alcuni anni diventata Romagnola. Continua a leggere

Annunci

Evento formativo con metodologia Open Space Technology su Budget di Salute

Evento formativo con metodologia Open Space Technology su Budget di Salute

PROGETTARE LA SALUTE:

IL BUDGET DI SALUTE

Cervia (RA), mercoledì 08 febbraio 2017

SCHEDA DI ISCRIZIONE

Si prega di compilare in stampatello ed inviare dal 16 al 26 gennaio 2017 alla Segreteria Organizzativa tramite e-mail: antonella.nicolucci@auslromagna.it oppure nadia.valdinoci@auslromagna.it

scarica il pdf:  budget-di-salute-8-febbraio-2017

Cognome …………………………………………………………………………….

Nome ………………………………………………………………………………..

Codice Fiscale ……………………………………………………………………

Qualifica ……………………………………………………………………………

Disciplina ECM se prevista: …………………………………………………

. ………………………………………………………………………………………..

Ente…………………………………………………………………………………..

Servizio/U.O………………………………………………………………………

Impresa Sociale/Cooperativa………………………………………………..

Associazione………………………………………………………………………

Indirizzo………………………………………………………………….N. …….

CAP……………..Città……………………………………………….Prov…….

Tel………………………………………Fax……………………………………….

E-mail ……………………………………………………………………………….

Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati per le

finalità consentite dal D.Lgs. 196/03.

Data……………………………………………………………………

Firma…………………………………………………………………

RICHIEDE I CREDITI E.C.M. q SI q NO

EDITORIA N.01064

(stampa: 12.01.2017)

Evento formativo con metodologia Open Space

Technology su Budget di Salute

PROGETTARE LA SALUTE:

IL BUDGET DI SALUTE

Cervia (RA), 8 febbraio 2017

“LA VOCE DI METTE” in dialogo con l’esperienza scandinava

Segnaliamo il Convegno sulla salute mentale:

“LA VOCE DI METTE”
– In dialogo con l’esperienza scandinava

indetto dall’associazione il “CERCHIO E L’ALBERO”

per

Venerdì 11 novembre 2016 – ore 09.00 – 14.00
presso l’Aula Magna ITGC Compagnoni
Via D.A. Lumagni, 26, Lugo

 

volantino-convegno-la-voce-di-mette  pdf scaricabile

 

Marco Cavallo

marco_cavallo-sx

ll nuovo viaggio di Marco Cavallo

Marco Cavallo, la macchina teatrale di legno e cartapesta realizzata collettivamente nel 1973 all’interno del manicomio aperto di Trieste, rappresentando allora un simbolo di libertà e riconquista della cittadinanza per gli internati. Il prossimo 16 maggio Marco Cavallo tornerà in viaggio con l’associazione stopOPG per promuovere la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, prevista per lo scorso 31 marzo ma rimandata di un altro anno dal Consiglio dei Ministri. Nel corso degli ultimi anni sono state proposte diverse leggi per abolire queste strutture; la commissione parlamentare d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale guidata da Ignazio Marino ha realizzato alcune visite a sorpresa negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e ha chiesto nel 2011 la loro chiusura in quanto, secondo Marino, questi istituti sono luoghi in cui mancano le cure e il rispetto per la dignità degli ammalati. Stefano Cecconi, del coordinamento nazionale stopOPG, ci parla dell’iniziativa del nuovo viaggio di Marco Cavallo. Questo articolo è pubblicato su OggiScienza con licenza creative commons.

Oltre il giardino Ravenna

oltre-il-giardino-2L’ 8 maggio 2011 è stato inaugurato, dedicandolo a Franco Basaglia, lo psichiatra che fu il principale fautore della legge 180 per la chiusura dei manicomi il giardino che fiancheggia il Nuovo Centro di Salute Mentale, che ha lasciato la storica sede del quartiere Sant’Agata e si è  trasferito a Ponte Nuovo-Ravenna, in piazza della Magnolia.

Alla cerimonia erano presenti la figlia di Franco Basaglia, il Sindaco di Ravenna, l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Ravenna e il Presidente della Seconda Circoscrizione, le Associazioni dei familiari “Porte Aperte” e “Ama la Vita“.

Continua a leggere