Salute mentale e guarigione

Covegno: Salute mentale e guarigione

  Sabato 24 maggio 2014  – ore 9-13 presso la Sala “Sergio Bandini”  della Cassa di Risparmio, via Boccaccio 22 (angolo Largo Firenze)  Ravenna, un convegno sul tema:

Salute mentale e guarigione. (
atti del convegno in video)
La ricerca valutativa CNR sugli esiti di un percorso  in Romagna.

L’associazione di famigliari “Porte Aperte” nei suoi 20 anni di storia si è sempre occupata di disagio mentale, promuovendo una cultura della salute mentale sul piano generale, ma anche entrando a livello estremamente concreto e diretto a supporto delle situazioni specifiche di sofferenza riscontrate.
Il progetto Recovery House nasce proprio da questa ricerca di supporti e risorse per le famiglie e le persone con esperienza di disagio psichico.
Dopo che alcuni famigliari avevano avuto un’esperienza positiva con il trainer Ron Coleman e la sua organizzazione, si è partiti con un progetto unico al mondo, che ha voluto mettere in gioco utenti, famiglie e operatori. Questi sono stati scelti in base al loro personale interesse per l’approccio orientato alla recovery e hanno partecipato ad una formazione preparatoria.
Il concetto alla base è stato l’assunto che “si può guarire dalla malattia mentale”, come affermato, tra gli altri, anche nell’ultimo libro di Ron Coleman, e che questo è possibile se si lavora insieme ad uno staff dedicato, con un percorso che coinvolge anche i famigliari.
Per valutare un progetto così ambizioso ma anche così complesso e delicato nel suo evolversi, non poteva che essere coinvolto un ente esterno, indipendente e autorevole come il Consiglio Nazionale delle Ricerche, che tramite l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, ha predisposto una valutazione di 12 mesi dei risultati ottenuti che potrà essere ampliata a oltre 24 mesi.
I risultati ottenuti, monitorati accuratamente dalla ricercatrice Raffaella Pocobello, sotto la supervisione del prof. Cristiano Castelfranchi , dimostrano che “qualcosa di statisticamente significativo” è avvenuto, e che questo risultato è tanto più solido quanto più generato da una sinergia tra le parti coinvolte, che la guarigione è un percorso che si può fare, che coinvolge le emozioni, le relazioni, la crescita personale e la vita di ogni singolo attore coinvolto (utenti, famiglie, operatori) ma che si può fare solo tutti insieme, mettendosi in gioco fino nel profondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...